Dottoressa Dejeda Kokici odontoiatra pediatrica

Dr.ssa Dejeda Kokici

odontoiatra
pediatrica

Dr. Giacomo Clocchiatti

odontoiatra ortodontista
e gnatologo

Pedodonzia o odontoiatria pediatrica

La pedodonzia o odontoiatria pediatrica è la disciplina volta a prevenire e curare le patologie odontostomatologiche del paziente in età evolutiva, dai 2 ai 16 anni e si occupa della cura delle carie e dell’educazione all’igiene orale dei bambini e ragazzi.

Nel nostro studio, il piccolo paziente è seguito da un team di odontoiatri specialisti, una logopedista, una psicologa e da personale infermieristico specializzato.

Mettiamo in campo strategie specifiche per accogliere i bambini/ragazzi e abituarli gradualmente all’ambiente medico attraverso un approccio adeguato anche sul versante psicologico.

Non è mai troppo presto per una visita odontoiatrica: l’età giusta per cominciare a familiarizzare con la figura dell’odontoiatra è attorno ai 2/3 anni.

L’igiene orale comincia ancora prima della dentizione: si devono pulire le gengive del neonato con una garzetta morbida e soluzione fisiologica (oppure acqua pulita) dopo ogni pasto. Al sorgere dei primi dentini si può continuare con questa buona abitudine, evitando ciucci con sostanze zuccherine. I genitori devono abituare i figli all’uso dello spazzolino con dentifricio già dai 2/3 anni.

Anche  i denti da latte vanno curati, come presupposto per una sana dentizione permanente.

Una pratica odontoiatrica molto utile per prevenire l’insorgere di carie ai molari permanenti è la “sigillatura”.
La sigillatura dei solchi dei molari permanenti, viene eseguita dopo aver pulito accuratamente la superficie masticante del dente, successivamente si utilizza una resina fotopolimerizzabile che riempie i solchi e le fossete delle superfici masticanti. Con questa procedura, totalmente indolore, si impedisce ai germi responsabili della carie di intaccare i denti definitivi a livello dei solchi.

 

ortodonzia per bambini

L’ortodonzia è la branca dell’odontoiatria che si occupa del mantenimento, del ripristino o della creazione del corretto rapporto osseo tra i mascellari, tra le arcate dentarie e dell’allineamento dei denti, per una giusta funzione masticatoria, fonatoria ed estetica.

L’ortodonzia intercettiva e l’ortodonzia miofunzionale hanno​ come scopo il ripristino delle condizioni di sviluppo fisiologico dell’apparato orale (dentale, scheletrico e muscolare) che il paziente può aver perso durante il suo sviluppo.

I trattamenti di ortodonzia intercettiva e ortodonzia miofunzionale si eseguono in fase di dentizione mista, ossia quando c’è la coesistenza di denti decidui e permanenti, tipica della fascia di età tra i 5 e gli 11 anni.

  • L’ortodonzia intercettiva con apparecchiatura fissa interviene per correggere palati troppo stretti o severi affollamenti superiori e inferiori.
  • L’ortodonzia miofunzionale con apparecchiatura mobile interviene per correggere le grosse discrepanze dento-alveolari intermascellari (per esempio una mandibola troppo piccola perché cresce poco).
    Queste deviazioni possono verificarsi a causa di processi cariosi destruenti, a causa di una funzione della lingua non corretta (deglutizione atipica), a causa di abitudini viziate come l’uso del ciuccio oltre i 3 anni, ​suzione del dito oltre i 2 anni, ​uso del biberon oltre i 5 anni, mordere penne e/o unghie.

Un buon allineamento dentale favorisce un corretto sviluppo dell’apparato stomatognatico e dell’articolazione temporomandibolare, rende più facile il mantenimento di una corretta igiene orale e la prevenzione dei processi cariosi e gengiviti, migliora le relazioni sociali poiché migliora l’estetica del viso e l’autostima.